.
Annunci online

 
Lasegretariaperfetta 
[Cave Felis!] In questa casa anche il gatto è nervoso... [Leggere attentamente le avvertenze e le modalità d'uso]
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  MI IMPICCIO DI...

AKAI (Una collega)
CJNZJA
DISASTRO
DUCHESNE
ELASTIGIRL
FAIRYDAWN
FAIRYVISIONS
IL BLOG DI ELLE
LE MALVESTITE
LOUISE
LUI & LEI
MAMMA DA POCO
MAMMA PER SBAGLIO
MICOL
NETTUNO
PASSEROTTA
SASKHA
TALISSIA
VALKIRIA
  cerca



(Jump - Madonna)

*****



*****




"E' una delle grandi difficoltà della vita indovinare ciò che una donna vuole"
(Italo Svevo)

*****



"Perdona i tuoi nemici ma non dimenticare mai i loro nomi..."
(John Fitzgerald Kennedy)

Da quando ho letto questa frase 15 anni fa su una smemoranda non l'ho più dimenticata... ed è diventata uno dei miei "famosi" motti...

*****



"L'essenziale è invisibile agli occhi"
(Antoine de Saint-Exupery)

*****



"Amare non significa guardarsi l'uno con l'altra, ma guardare ambedue, insieme, nella stessa direzione"
(Antoine de Saint-Exupery)

*****

"Forse non siamo capaci di amare
proprio perchè desideriamo essere amati,
vogliamo qualcosa dall'altro invece di avvicinarci a lui senza pretese e volere solo la sua semplice presenza"
(Milan Kundera)



*****
"Chi se fa l'affari sua campa cent'anni!"
Da ricordare bene, se necessario scriverlo da qualche parte... Quindi ecco qua... Un altro dei miei "famosi" motti...



*****


"Est-ce ma faute si je trouve partout de bornes? [...]
Je cherche un bien inconnu dont l'instinct me poursuit"
(Michel de Montaigne)

*****


Ciò che penso del genere umano potrebbe essere così riassunto:



"Quando Dio ha fatto l'uomo e la donna non li ha brevettati. Così da allora qualsiasi imbecille può fare altrettanto."
(George Bernard Shaw)

"Soltanto l'inutilità del primo diluvio trattiene Dio dal mandarne un secondo."
(Nicolas de Chamfort)

"Non bisogna giudicare Dio da questo mondo, perchè è soltanto uno schizzo che gli è riuscito male."
(Vincent Van Gogh)

"
Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi."
(Albert Einstein)



*****



Chi semina raccoglie,
ma chi raccoglie si china...
... e a quel punto è un attimo...

*****

La tool è tratta da un disegno di Tadahiro Uesugi.
Altre tool interessanti le trovate qui: vale la pena fargli una visita!



*****



*****

DISCLAIMER
Il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha, comunque, carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001. L'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. I commenti anonimi e/o offensivi saranno cancellati. Alcune foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarmi per chiederne la rimozione.

 


Heracleum blog & web tools


 

Diario | Le mie ricette | Ridere fa buon sangue... | Cosa accade? | Fregature | Sfoghi | Dovevo fare la shampista | Pillole di Angel | Prima o poi mi sposo (forse) | Scappo dalla città... | Benvenuti al lazzaretto | Convivenza | Da grande farò la ciclista | Deliri da un matrimonio | Dory | Gnomo in arrivo... | Il karma è avverso | In fuga dalla città | I matrimoni degli altri | La collega dei caffè | La collega logorroica | La sindrome di Becky Bloomwood | Me sta a partì l'embolo | Muff | Nata stanca | Non mi annoio mai | Segni particolari | Serate mondane | Sono in forma: tondo è una forma | Una vacanza da dimenticare | Week end |
 
Ridere fa buon sangue...
1visite.

20 febbraio 2008

Corso d'inglese

Ieri mi sono resa conto una volta di più che non conoscere l’inglese al giorno d’oggi è un vero e proprio handicap sul piano lavorativo… e oggi ho ricevuto questa…

Corso di inglese. Modulo di aggiornamento

Per chi dice che l'inglese è facile... legga questo a voce alta....

1 - Modulo principianti:

Tre Streghe guardano tre orologi Swatch. Quale strega guarda quale orologio Swatch?

In inglese:

Three witches watch three Swatch watches. Which witch watch which Swatch watch?

2 - Modulo avanzato:

Tre streghe "trans" guardano i cinturini di tre orologi Swatch.
Quale strega trans guarda i cinturini di quale orologio Swatch

In inglese:

Three switched witches watch three Swatch watch switches. Which switched witch watch which Swatch watch switch?

3 - Modulo per masters:

Tre Streghe svedesi transessuali guardano I cinturini di tre orologi "Swatch" svizzeri.
Quale strega svedese transessuale guarda quale cinturino di quale orologio "Swatch" svizzero?

In inglese:

Three Swedish switched witches watch three Swiss Swatch watch switches.
Which Swedish switched witch watch which Swiss Swatch watch switch?


..... fanculo, meglio il napoletano !!!!!




permalink | inviato da Lasegretariaperfetta il 20/2/2008 alle 15:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa

18 febbraio 2008

...Perché le donne stanno così tanto nei bagni pubblici?

Ricevo e posto... mi ha fatto troppo ridere... perchè funziona proprio così!

**********************************************************************

Il grande segreto di tutte le donne rispetto ai bagni è che da bambina tua mamma ti portava in bagno, puliva la tavolozza, ne ricopriva il perimetro con la carta igienica e poi ti spiegava:
"MAI, MAI appoggiarsi sul gabinetto"
e poi ti mostrava
"la posizione" che consiste nel bilanciarsi sulla tazza facendo come per sedersi ma senza che il corpo venga a contatto con la tavolozza.
'La posizione' è una delle prime lezioni di vita di una bambina, importantissima e necessaria, deve accompagnarci per il resto della vita.
Ma ancora oggi, da adulte, 'la posizione' è terribilmente difficile da mantenere quando hai la vescica che sta per esplodere.
Quando devi andare in un bagno pubblico, ti ritrovi con una coda di donne che ti fa pensare che dentro ci sia Brad Pitt.
Allora ti metti buona ad aspettare, sorridendo amabilmente alle altre che aspettano anche loro con le gambe e le braccia incrociate.
È la posizione ufficiale di 'me la sto facendo addosso'.
Finalmente tocca a te, ma arriva sempre la mamma con 'la bambina piccola che non può più ‘trattenersi’ e ne approfittano per passare avanti tutte e due!
A quel punto controlli sotto le porte per vedere se ci sono gambe. Sono tutti occupati.
Finalmente se ne apre uno e ti butti addosso alla persona che esce.
Entri e ti accorgi che non c'è la chiave (non c'è mai); non importa... Appendi la borsa a un gancio sulla porta, e se non c'è (non c'è mai), ispezioni la zona, il pavimento è pieno di liquidi non ben definiti e non osi poggiarla lì, per cui te la appendi al collo ed è pesantissima, piena com'è di cose che ci hai messo dentro, la maggior parte delle quali non usi ma le tieni perché non si sa mai.
Tornando alla porta... dato che non c'è la chiave, devi tenerla con una mano, mentre con l'altra ti abbassi i pantaloni e assumi 'la posizione'...
AAhhhhhh... finalmente...
A questo punto cominciano a tremarti le gambe... perché sei sospesa in aria, con le ginocchia piegate, i pantaloni abbassati che ti bloccano la circolazione, il braccio teso che fa forza contro la porta e una borsa di 5 chili appesa al collo. Vorresti sederti, ma non hai avuto il tempo di pulire la tazza né di coprirla con la carta! Così rimani nella 'posizione', ma per un errore di calcolo un piccolo zampillo ti schizza sulle calze!!! Sei fortunata se non ti bagni le scarpe.
Mantenere 'la posizione' richiede grande concentrazione.
Per allontanare dalla mente questa disgrazia, cerchi il rotolo di carta igienica maaa, cavolo...!
non ce n'è...!
(mai).
Allora preghi il cielo che tra quei 5 chili di cianfrusaglie che hai in borsa ci sia un misero fazzoletto, ma per cercarlo devi lasciare andare la porta, ci pensi su un attimo, ma non hai scelta. E non appena lasci la porta, qualcuno la spinge e devi frenarla con un movimento brusco, altrimenti tutti ti vedranno semiseduta in aria con i pantaloni abbassati. NO!!
Allora urli “O-CCU-PA-TOOO!!!”, continuando a spengere la porta con la mano libera, e a quel punto dai per scontato che tutte quelle che aspettano fuori abbiano sentito e adesso puoi lasciare la porta senza paura, nessuno oserà aprirla di nuovo (in questo noi donne ci rispettiamo molto) e ti rimetti a cercare il fazzoletto, vorresti usarne un paio ma sai quanto possono tornare utili in casi come questi e ti accontenti di uno, non si sa mai.
In questo preciso momento si spegne la luce automatica, ma in un cubicolo così minuscolo non sarà tanto difficile trovare l'interruttore! Riaccendi la luce con la mano del fazzoletto, perché l'altra sostiene i pantaloni, conti i secondi che ti restano per uscire di lì, sudando perché hai su il cappotto che non avevi dove appendere e perché in questi posti fa sempre un caldo terribile.
Senza contare il bernoccolo causato dal colpo di porta, il dolore al collo per la borsa, il sudore che ti scorre sulla fronte, lo schizzo sulle calze...
Ma la debacle non è finita... sei esausta, quando ti metti in piedi non senti più le gambe, ti rivesti velocemente e soprattutto tiri lo sciacquone! Se non funziona preferiresti non uscire più da quel bagno, che vergogna!
Finalmente vai al lavandino.
È tutto pieno di acqua e non puoi appoggiare la borsa, te la appendi alla spalla, non capisci come funziona il rubinetto con i sensori automatici e tocchi tutto finché riesci finalmente a lavarti le mani in una posizione da gobbo di Notredame per non far cadere la borsa nel lavandino; l'asciugamani è così scarso che finisci per asciugarti le mani nei pantaloni, perché non vuoi sprecare un altro fazzoletto per questo!
Esci passando accanto a tutte le altre donne che ancora aspettano con le gambe incrociate e in quei momenti non riesci a sorridere spontaneamente, cosciente del fatto che hai passato un'eternità là dentro.
Sei fortunata se non esci con un pezzo di carta igienica attaccato alla scarpa o peggio ancora con la cerniera abbassata!
A me è capitato una volta, e non sono l'unica a quanto ne so!
Esci e vedi il tuo ragazzo che è già uscito dal bagno da un pezzo e gli è rimasto perfino il tempo di leggere Guerra e Pace mentre ti aspettava.
“Perché ci hai messo tanto?”
ti chiede irritato.
”C'era molta coda” ti limiti a rispondere.
E questo è il motivo per cui noi donne andiamo in bagno in gruppo, per solidarietà, perché una ti tiene la borsa e il cappotto, l'altra ti tiene la porta e l'altra ti passa il fazzoletto da sotto la porta; così è molto più semplice e veloce perché tu devi concentrarti solo nel mantenere 'la posizione'. E la dignità.

Questo è dedicato alle donne di tutto il mondo che hanno usato un bagno pubblico e a voi uomini, perché capiate come mai ci stiamo tanto.




permalink | inviato da Lasegretariaperfetta il 18/2/2008 alle 14:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa

5 dicembre 2007

Il mondo globale

Ricevo e pubblico questa mail: mi ha fatto troppo sorridere.

Paese che vai... usanze che trovi...


In Libano gli uomini possono per legge avere rapporti sessuali con
animali, purché si tratti di femmine. Avere rapporti sessuali con un
animale maschio è un reato punibile con la morte.

(Ah, beh, così va bene!).

Nel Bahrein, la legge consente a un medico di sesso maschile di fare
una visita ginecologica a una donna, ma non di guardare direttamente i suoi genitali. Può soltanto vederli riflessi in uno specchio.

(Ma che gente è?!!!)

Ai musulmani è proibito guardare i genitali di un cadavere, e questo vale anche per gli impresari di pompe funebri; gli organi sessuali dei defunti devono sempre restare coperti da un mattone o un pezzo di legno per tutto il tempo.
(Un mattone?)

Nell'anno 1969 è bastata la potenza di calcolo di due Commodore 64 per mandare con successo una navicella sulla Luna. Nell'anno 2003 è necessario un Pentium 4 a 2000 Mhz per far funzionare Windows XP.
(Qualcosa deve essere andato storto)

In Indonesia la masturbazione viene punita col taglio della testa.

(Se la applicassero anche in Italia non rimarrebbe più nessuno...)

A Guam ci sono uomini il cui lavoro a tempo pieno consiste nel girare per le campagne e deflorare giovani vergini che pagano per il privilegio di stare con un uomo per la prima volta. Il motivo: la legge dell'isola stabilisce a chiare lettere che una donna vergine non può sposarsi.
(Pensiamoci un attimo: esiste in qualche altra parte del mondo un lavoro anche lontanamente simile a questo?)

A Hong Kong, una moglie tradita può uccidere il marito adultero, la legge glielo consente; ma può farlo solo a mani nude. Mentre può uccidere come più le aggrada l'amante del marito.
(Ah! La Giustizia!)

A Liverpool, Inghilterra, la legge ammette commesse in topless, ma solo nei negozi di pesci tropicali.
(Ma naturalmente!)

A Calì, in Colombia, una donna può avere rapporti sessuali soltanto col marito, e la prima volta che ciò accade, nella stanza deve essere presente anche la madre di lei.
(La sola idea fa venire i brividi.)

A Santa Cruz, in Bolivia, un uomo non può avere rapporti sessuali con una donna e con la figlia di lei contemporaneamente.
(Immagino che si sia trattato di un problema abbastanza grave, se hanno dovuto farci su una legge.)

Nello stato americano del Maryland, le macchinette dispensatrici di preservativi sono illegali. Cessano di esserlo solo se si trovano ‘in luoghi dove si vendono bevande alcoliche da consumare sul posto’.
(L'America è un grande paese o no? Forse, però, non grande quanto Guam.)

L'orgasmo di un maiale dura 30 minuti.
(Nella mia prossima vita voglio essere un maiale!!!)

Sbattere la testa contro il muro fa consumare 150 calorie l'ora.
(Continuo a preferire la storia del maiale.)

Esseri umani e delfini sono le uniche specie che praticano il sesso per trarne piacere.
(Forse è per questo che Flipper sorride sempre?)

Il muscolo più forte dell'organismo è la lingua.
(Hummm ... non faccio commenti.)

Alcuni leoni si accoppiano più di 50 volte al giorno.

(Nella mia prossima vita voglio sempre essere un maiale: preferisco la qualità alla quantità.)

Nelle farfalle la sede del senso del gusto sono le zampe.
(Oddio!!)

L'occhio dello struzzo è più grande del suo cervello.
(Conosco persone con lo stesso difetto.)

Le stelle marine non hanno cervello.
(Conosco persone che hanno anche questo difetto).


Buona giornata!




permalink | inviato da Lasegretariaperfetta il 5/12/2007 alle 10:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

30 maggio 2007

E' vita intensa... (ma è proprio così!)

Dicono che tutti i giorni dobbiamo mangiare una mela per il ferro e una banana per il potassio. Anche un´arancia per la vitamina C e una tazza di tè verde senza zucchero, per prevenire il diabete.
Tutti i giorni dobbiamo bere due litri d´acqua (sì, e poi pisciarli, che richiede il doppio del tempo che hai perso a berteli).
Tutti i giorni bisogna mangiare un Actimel uno yogurt per avere i 'L.Cassei Defensis', che nessuno sa bene che cosa cavolo sono, però sembra che se non ti ingoi per lo meno un milione e mezzo di questi bacilli (?) tutti i giorni, inizi a vedere sfocato.
Ogni giorno un´aspirina, per prevenire l´infarto, e un bicchiere di vino rosso, sempre contro l´infarto.
E un altro di bianco, per il sistema nervoso. E uno di birra, che già non mi ricordo per che cosa era. Se li bevi tutti insieme, ti può dare un´emorragia cerebrale, però non ti preoccupare perché non te ne renderai neanche conto.
Tutti i giorni bisogna mangiare fibra. Molta, moltissima fibra, finché riesci a cagare un maglione.
Si devono fare tra i 4 e 6 pasti quotidiani, leggeri, senza dimenticare di masticare 100 volte ogni boccone.
Facendo i calcoli, solo in mangiare se ne vanno 5 ore.
Ah, e dopo ogni pranzo bisogna lavarsi i denti, ossia dopo l´Actimel e la fibra lavati i denti, dopo la mela i denti, dopo il banano i denti... e così via finché ti rimangono dei denti in bocca, senza dimenticarti di usare il filo interdentale, massaggiare le gengive, il risciacquo con Listerine...
Meglio ampliare il bagno e metterci il lettore di CD, perché tra l
´acqua, le fibre e i denti, ci passerai varie ore lì dentro.
Bisogna dormire otto ore e lavorare altre otto, più le 5 necessarie per mangiare, 21.
Te ne rimangono 3, sempre che non ci sia traffico.

Secondo le statistiche, vediamo la tele per tre ore al giorno.
Già non si può, perché tutti i giorni bisogna camminare almeno mezz´ora (per esperienza: dopo 15 minuti torna indietro, se no la mezz'ora diventa una)
Bisogna mantenere le amicizie perché sono come le piante, bisogna innaffiarle tutti i giorni.
E anche quando vai in vacanza, suppongo.

Inoltre, bisogna tenersi informati, e leggere per lo meno due giornali e un paio di articoli di rivista, per una lettura critica.
Ah!, si deve fare sesso tutti i giorni, però senza cadere nella routine: bisogna essere innovatori, creativi e rinnovare la seduzione. Tutto questo ha bisogno di tempo. E senza parlare del sesso tantrico (al rispetto ti ricordo che bisogna lavarsi i denti dopo che si mangia qualsiasi cosa!).
Bisogna anche avere il tempo di scopar per terra, lavare i piatti, i panni e non parliamo se hai un cane o ...dei FIGLI???
Insomma, per farla breve, i conti mi danno 29 ore al giorno.
L'unica possibilità che mi viene in mente é fare varie cose contemporaneamente: per esempio ti fai la doccia con acqua fredda e con la bocca aperta così ti bevi i due litri d´acqua. Mentre esci dal bagno con lo spazzolino in bocca fai l´amore (tantrico) al compagno/a, che nel frattempo guarda la tele e ti racconta, mentre tu lavi per terra.
Ti é rimasta una mano libera?? Chiama i tuoi amici! E i tuoi! Bevi il vino (dopo aver chiamato i tuoi ne avrai bisogno).
Il BioPuritas con la mela te lo può dare il tuo compagno/a, mentre si mangia la banana con l
´Actimel, e domani fanno cambio.
E meno male che siamo cresciuti, se no dovremmo trangugiare un ALPINITOExtra Calcio tutti i giorni.

Adesso vi lascio, perché tra lo yogurt, la mela, la birra, il primo litro d´acqua e il terzo pasto con fibra della giornata, già non so più cosa sto facendo però devo andare urgentemente al cesso.
E ne approfitto per lavarmi i denti....




permalink | inviato da il 30/5/2007 alle 14:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa

9 novembre 2006

COMMENTO DELLA LITIZZETTO ad Andrea Biavardi Direttore di FOR MEN

Lo confesso.

Ho ceduto alla tentazione di comprare la nuova rivista maschile "For men magazine". Del resto, come potevo resistere agli affascinanti argomenti annunciati dalla copertina (che, tra parentesi, ritrae un tizio con una faccia da pirla e un asciugamano di spugna bianca che fa tanto "figo da spogliatoio")?

Almeno quattro i titoli memorabili:

"Falle dire basta stanotte!"

"Ricco entro Pasqua: 15 idee geniali"

"Trucchi: mangi il doppio diventi la metà"

"Smetti di fumare e voli ai Caraibi".

Non vorrei deludere il geniale direttore Andrea Biavardi, ma a far dire "BASTA" a una donna siete già tutti bravissimi da soli poiché di solito ne abbiamo abbastanza dopo i primi tre minuti.

La vostra difficoltà sta nel farle dire "ANCORA!", al limite.

Ci pensi su, per il prossimo numero.

Riguardo allo slogan "Ricco entro Pasqua", beh, signor Biavardi, se vuole fare le cose fatte bene, nel prossimo numero alleghi anche due simpatici gadgets: passamontagna e chiave inglese.

Alla promessa "Mangi il doppio e diventi la metà", invece, tenderei anche a credere. Bisogna vedere la metà di cosa. Io se mangio il doppio, signor Biavardi, divento l'esatta metà del Partenone, in effetti.

Infine, sempre in copertina, campeggia la scritta "Smetti di fumare e voli ai Caraibi".

Guardi signor direttore, io non ho mai conosciuto uno che abbia smesso di fumare e che sia andato in un'isola tropicale a festeggiare. In compenso ho sentito un sacco di gente che ha cominciato a fumare sostanze illecite e s'è fatta certi viaggi senza neanche uscire di casa che lei neanche si immagina.

Ma questo è solo l'inizio.

Una si illude che il peggio sia già tutto in copertina e invece no, il meglio è all'interno!

A pagina 52 c'è un avvincente e istruttivo servizio con tanto di foto redazionali su "come slacciarle il reggiseno" che tiene conto dei vari modelli (classico, seduttivo, sportivo...).

A parte l'intelligenza del servizio in sè, vorrei soffermarmi sul consiglio per slacciare rapidamente il modello sportivo, che è: "se lei è spiritosa dacci un taglio con le forbici!".

Biavardi, io le garantisco che sono una donna alquanto spiritosa, ma se un uomo che magari conosco da poco, in un momento di intimità mi tira fuori dal taschino un paio di forbici, io come minimo penso che sia il mostro di Milwaukee e nella migliore delle ipotesi gli assesto un calcio nelle palle che il mese dopo il soggetto in questione passa dal suo For Men Magazine a Donna Moderna.

A pagina 50 poi, si tocca l'apice grazie ad un servizio che affronta la spinosa questione: "Se l'iguana domestico ci prova con tua moglie".

Nell'articolo si sostiene infatti che ci sono diversi casi di molestie sessuali da parte di iguana nei confronti di donne con il ciclo. Senta signor Biavardi, lei l'ha mai vista una donna col ciclo? Mi segua signor direttore, non parlo di una donna in sella al motorino. Parlo della donna in quei giorni lì. Ecco guardi, io in quei giorni ho la cera del cugino It e l'affabilità di Godzilla, non mi si avvicinerebbe a meno di cento metri un velociraptor si figuri un iguana.

E infine, l'apoteosi vera e propria: il test "sei uno stallone o una schiappa?".

Le domande sono tra le cose più esilaranti che io abbia mai letto in vita mia.

In pratica sei ritenuto uno stallone se rispondi sì a domande come questa: "Ti è mai capitato di farlo con una donna e poco dopo, con la sua compagna di stanza?" "Un sacco di volte! Alla casa di riposo "Domus Mariae". O "Di essere chiamato da una donna che ti chiede se può venire da te alle nove del mattino?" Sì certo, da una rappresentante della Folletto.

Mi fermo qui. Donne, consoliamoci: noi una volta al mese avremo pure le nostre cose, ma loro una volta al mese hanno For Men Magazine in edicola.

Mica lo so' chi sta peggio!!




permalink | inviato da il 9/11/2006 alle 9:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa

25 ottobre 2006

Gossip-therapy

Da brava donna “normale” mi piace sempre constatare che le sgnoccaus che vediamo in tv e sulle riviste non sono sempre nature… Inutile dire che spesso e volentieri troviamo rappresentanti del genere “femminile/rifatto” che dimostrano che – come diceva Verdone – “i miracoli appartengono solo a Dio, per carità!”…


Qui ce n’è per tutti i gusti, a partire dalla Spears (in alto a destra) fino a Kate Moss (in basso a destra). Il cambiamento della Aniston è indiscutibile ma, a parte il naso, lo imputerei alla crescita (la prima foto risale certamente alla fine degli anni ’80, quando andavano di moda le sopracciglia folte, i capelli mossi e quegli scomodissimi body di pizzo che pizzicavano sulla pelle…)

Questa è una delle mie foto preferite. Sicuramente carina anche tre anni fa non era però il sex symbol che è oggi… e non è merito di mammà… (pagherà un superbollo per il canotto che ha sulla faccia?)

La Jolie non aveva bisogno di nessun ritocco secondo me, splendida già prima che si assottigliasse il naso… ma la cosa ci dimostra che nessuno è mai soddisfatto, nemmeno se è così… (e quindi io me lo ripeto tipo mantra e mi levo ogni complesso)

La signora Omarosa (chi cazz’è?) mostra soddisfatta il frutto di un “miracolo”, come dire, dalla pialla ai palloni… avrà mangiato anche lei tanto formaggio come la Aniston per aumentare in quel modo il seno? (se la risposta è sì allora probabilmente sta per morire per il colesterolo alle stelle) Subito sotto la sorellina di Jessica, Ashley Simpson (ad Angel piace taaaanto) mostra un nasino che è la metà di quello che aveva prima… non le potevano dare una limatina anche alla scucchia già che c’erano?

Ohhhhhhhhhhhhhhhhhhh… e questa è la trasformazione che ci rincuora tutte, la trasformazione che ci dimostra che la chirurgia non può fare miracoli… Com’è che ‘sta donna riesce a restare cesso nonostante i soldi che ha speso dal chirurgo plastico? E perché ha le tette che vanno in direzioni opposte?

(Ma guarda che tocca fà per tirarsi un pò su...)




permalink | inviato da il 25/10/2006 alle 15:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

5 settembre 2006

Queli di Quelo

Ale scrive: "Caro Quelo perche' stasera lui e' altrove con amici e non con me qui a sbaciucchiarsi???"

Quelo risponde: "La domanda è mal posta: forse tu volevi chiedere perchè non sono con te a baciucchiarmi... perchè non mi hai avvisato in tempo. Eppoi, in fondo lo sai: la risposta è dentro di te (sì, sì, daccordo: però è sbagliata)!"


Gianni da Firenze scrive: "Adorato divino sacerdote, ti pongo una domanda, mentre i santi fumi ci avvolgono. Un mio amico mi ha fatto una domanda? Quando si crede, ciò che si crede, si crede dentro? o fuori? Aspetto la tua risposta"

Quelo risponde: "Sennò?".
Giulia e Francesca scrivono: "Siamo Giulia e Francesca, c'e' grossa crisi, per quale motivo a settembre inizia la scuola? Per abitudine o per massacrare dei poveri innocenti quelisti? Possiamo diventare due tue sacerdotesse? Le tue sacerdotesse si possono sposare? Se si' anche con Leonardo di Caprio?"

Quelo risponde: "La scuola inizia proprio perchè c'è grossa crisi. Comunque: Quelo vi guarda, è sempre con voi, sopra di voi, sotto di voi, anche dentro di voi... a che ora siete libere? Certo che per diventare mie sacerdotesse bisogna avverci 'na grossissima crisi. Poi, scusate: Leonardo di Capri chi? Forse volevate chiedere se Lui c'è. Se c'è o ci fa. C'è e si fa".
Giulio B. scrive: "caro Quelo, potresti farmi avere un lenzuolo del tuo letto, meglio se molto consunto e macchiato? Mi raccomando non lavarlo: ti prometto che lo conserverò con estrema attenzione e affetto. conciossiacosaché... ciao"

Quelo risponde: "Ma te lo sai quanto costa un lenzuolo? Mica sono matto... E poi, ragazzo mio... te c'hai grossa grossissima crisi... ma mica posso fare tutto io. Quindi... è un problema tuo!"
Gianni da Firenze: "Adorato divino sacerdote ti pongo una domanda , mentre i santi fumi ci avvolgono: un mio amico mi ha fatto una domanda? Quando si crede, ciò che si crede, si crede dentro? O fuori? Aspetto la tua risposta "

Quelo risponde: "E che ne so se il tuo amico ti ha domandato o no? Comunque, quando si credde - e io creddo - si credde dentro e fuori, sopra e sotto, davanti e dietro. Si credde e basta, e ci si concede incondizionatamente, senza chieddere mai... come in Quelo..."
F. Finotto. scrive: "Quelo..non e' che pe caso...dico se t'avanza tempo ..me potresti porta' qua Brett Anderson Degli Suede? Magari in un pacchetto regalo? Da me avresti profonda devozione..."

Quelo risponde: "Forse tu volevi chiedere: che ore sono? Oppure: posso andarmene? La seconda che hai detto. E comunque, per l'ora, dipende da che ora mi ascolti... Scusa, ma te che ora fai?.... Oppure?"




permalink | inviato da il 5/9/2006 alle 15:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

4 settembre 2006

Registro di classe

Quasi quasi mi viene voglia di tornare a scuola... ^__________^

***************************************

"F.M. durante la lezione di inglese chiama con il cellulare la propria madre, per decidere che pasta mettere per pranzo"

"L'alunno B****** è entrato in classe dalla finestra con 27 minuti di ritardo affermando ripetutamente di non aver bisogno della giustificazione non essendo passato la porta"

"R. si dichiara campione nazionale di "petofiamma" e chiede al sottoscritto se lo voglio sfidare"

"L'alunna G.G. dichiara di non aver potuto eseguire i compiti a casa di economia aziendale per assistere a una seduta della nonna fatta dalla callista per fungere da traduttrice dal bergamasco all'italiano" 

"R** viene allontanato dalla classe perchè quando verifico i presenti e chiedo dei compagni risponde: "E' morto"

"Gli alunni P*** e D*** durante la mia ora improvvisano un duetto cantando "Vivo per lei" rivolgendosi alla bidella entrata per consegnare una circolare"

"L'alunno C.M. produce proiettili artigianali di carta e li lancia durante la lezione di fisica dopo averli incendiati. l'alunno persiste dopo la nota sostenendo che sta studiando la traiettoria di proiettili attraverso le scie di fumo che lasciano"
"Ore 12.25: L'alunno ha ripreso i suoi esperimenti con proiettili più grandi poichè quelli precedenti si spegnevano troppo presto"

"Gli alunni T*******,Q******,M*** e B**** capitanati dall'alunno C*****, travestito da Mosè,attuano un esodo di massa della classe. Nonostante i miei richiami l'alunno C***** si giustifica accusando le crudeltà dei faraoni verso la classe. Chiedo provvedimenti disciplinari"

"Gli alunni G. A. B. S. F. sono in coda alla cattedra, dietro ai compagni che chiedono spiegazioni, con apposito numero, chiedendo "2 etti di cotto" alla prof. di italiano V., mentre P. gestisce la coda per evitare risse"

"L'alunno E** mi paragona ad una tartaruga scommettendo con i compagni che se dovessi girarmi sulla schiena non riuscirei ad alzarmi"

"Marcello si reca in bagno alle ore 9.00 lasciando sul banco un avviso con su scritto "partito per la guerra", non facendo più ritorno"

"L'alunno C******* giustifica l'assenza scrivendo sulla libretto "non ci vedevo da un orecchio"

"T. Nicola dice alla bidella "Se la prossima volta che entri non bussi alla porta ti spacco la faccia"

"La classe, al fine di farsi spostare la verifica, mi offre "una giornata in un centro estetico", salvo poi mutare l'offerta in una notte con C., e suggerendomi di scegliere R. per la regola delle proporzioni in quanto molto più basso di statura. Non aggiungo altro. Prof.ssa I."

"L'alunno A.A. entra alle ore 12.23 senza giustificazione dicendo alla prof: "stavo con la mia fidanzata e già tanto che sono venuto"

"L'alunno D.G. riconsegna il pagellino firmato da Walter Zenga. Il consiglio di istituto non lo ritiene suo parente"

"Mirante insinua che il Muro Di Berlino sia stato costruito da Klinsmann,Beckenbauer e Rumenigge; ritengo ciò un'offesa alla mia materia"

"L'alunno V******* ha affermato che il voto 1 avuto alla gara dei verbi in latino non dipendeva da lui,perchè non li conosce nemmeno in italiano"

"L'allievo Gxxxxx deve riportare l'aereo di carta firmato"

"Durante il laboratorio di informatica l'alunno T****** installa sul computer un programma che emette dei fragorosi "rutti". L'assistente tuttora cerca di disinstallarlo."

"Neanche oggi l'alunna S.P. ha i compiti di francese.La scusa è sempre la stessa (da settembre oramai):"devo aiutare i miei con il trasloco".Alla mia domanda "quante volte traslocate?" l'alunna risponde "anche questa volta i miei fans hanno scoperto dove abito..". Chiedo un colloquio con i genitori"

"Pierli si rifiuta di parlare durante l'interrogazione dicendo "non ho altro da

aggiungere vostr'onore"

"L'alunno Q. chiama "Kinder" l'alunno Ferrero" 

"L'alunno L.R. dopo aver lanciato un aeroplano di carta in testa al prof risponde che è stata colpa del pilota e non sua"

"L'alunno P. piuttosto che seguire la lezione, preferisce restare affacciato alla finestra e parlare con i gabbiani."

"Dopo aver declinato la richiesta di N*** L**** di recarsi ai servizi lo scopro durante la lezione ad urinare all'interno di una bottiglietta accusandomi di avergli "inflitto una pena insopportabile"

 




permalink | inviato da il 4/9/2006 alle 17:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre